Crea sito

Salute e Benessere

Black Mask fatta in casa.

Non potevo fare a meno di non parlare della BLACK MASK, che ormai da tempo sul web è diventata popolarissima portando con se recensioni positive ma anche negative.

La misteriosa Black Mask (maschera nera)  è una crema dalla consistenza vischiosa di colore nero per la pulizia della pelle. La  formulazione peel off fa sì che questa maschera viso di colore nero vada ad aderire sulla pelle creando uno strato uniforme da tirare via a tempo di posa ultimato (circa 15 minuti come per tutte le maschere di bellezza). Molte donne hanno urlato al miracolo dopo aver provato la black mask: in effetti, in molti casi, la black mask aiuta davvero a rimuovere i punti neri in modo duraturo, mentre in altri – forse a causa di reazioni allergiche – si è parlato dell’aggravamento della problematica dei punti neri e dell’insorgenza di brufoli.

Io personalmente non l’ho provato, ma credo la proverò almeno potrò dirvi, ovviamente proverò quella fatta in casa. Il prezzo della BlackMask  è alto perché è difficile reperire questo prodotto di bellezza in Italia e spesso si deve ordinarla in siti stranieri o da venditori non italiani. Perché invece non risparmiare e iniziare a farsi la propria Black Mask in casa?Sicuramente quella fatta in casa sarà meglio, visto che recentemente si è scoperto che è una miscela di colla vinilica e glicerina da spalmare e lasciare in posa finché non diventa una pellicola.

BLACK MASK FATTA IN CASA:

  • 3 pasticchette di Carbone vegetale ( si trova in farmacia o nei grandi supermercati)
  • 2 cucchiai e mezzo di latte parzialmente scremato
  • 3 fogli di gelatina per dolci ( la cosiddetta colla di pesce)

Riempite una ciotolina con acqua fredda e immergete i fogli di gelatina per ammorbidirli – volendo potete anche spezzarli a metà o in tre parti, per facilitare il passo successivo – e nel frattempo in un pentolino portate il latte ad ebollizione. Mentre il latte si scalda pestate le 3 pasticche di carbone fino a ridurle in polvere sottile. Quando il latte è pronto nella ciotola che userete per la maschera versate il latte e poi la colla di pesce facendo in modo che si sciolga fino a divenire una miscela omogenea. Per facilitare il processo potete aiutarvi mettendola nel microonde per 2 minuti o a bagnomaria. Quando la gelatina si sarà sciolta unite il carbone e lasciate che si intiepidisca continuando a mescolare in modo che non si addensi troppo.  Aiutandovi con un pennello applicate la maschera insistendo sulla zona T – fronte, naso e mento – stando bene attente a non andare sul contorno occhi o labbra poiché potrebbe causarvi irritazioni.

Lasciate in posa 20/30 minuti e poi “staccatela” come fosse una pellicola. Se dovesse seccarsi troppo, inumiditevi le dita con un po’ di acqua tiepida e passatele sulla maschera. Con un batuffolo imbevuto di tonico o acqua di rose rimuovete i residui e applicate una crema idratante.

la maschera funziona di più se prima di applicarla provvederete a far “aprire” i pori tramite il vapore caldo.

Almeno siamo sicure di cosa ci mettiamo sul viso.

 

Dolce pericolo: lo Zucchero.


Care amiche,voglio parlare dello ZUCCHERO, ogni giorno fa parte della nostra vita e in quella dei nostri figli ma purtroppo oramai è ovunque e questo non ci fa bene!

Zucchero detto anche veleno bianco, rientra tra i principali agenti infiammatori. Gli zuccheri li troviamo nelle bevande, nei dolci industriali, nei cereali zuccherati e nei carboidrati ovvero presenti in tutti i prodotti che contengono farina raffinata e non raffinata e semola: pasta, pizza, biscotti, piadine, panini e nella maggior parte dei prodotti da forno.

Il modo più semplice per scoprire gli zuccheri è cercare nelle etichette la desinenza finale -OSIO-. Lo zucchero raffinato è tra i maggiori responsabili dell’insorgere di malattie del benessere: diabete, obesità, problemi legati al metabolismo, ipertensione, danni al fegato.

I procedimenti di raffinazione comprendono l’impiego di calce, zolfo e carbone animale, oltre ai coloranti utilizzati per eliminare i riflessi giallognoli. Lo zucchero ne esce impoverito sia dei minerali sia delle proteine presenti nelle materie prime di partenza. Anche lo zucchero greggio viene trattato con zolfo, ma non subisce i processi di decolorazione.

Gli zuccheri sono presenti :

  • biscotti
  • yogurt alla frutta
  • brioche
  • merendine
  • succhi di frutta
  • bibite
  • dessert
  • snack salati

Dunque per proteggere la nostra salute è bene calcolare che il consumo giornaliero non superi le dosi consigliate, pari a non più di 25 g. Non sempre la quantità di zuccheri viene indicata sulle confezioni in grammi.

Venendo ai carboidrati, la farina 00 (altro veleno bianco) rappresenta la preparazione base sia di noi casalinghe sia industriale. La farina 00 è la più raffinata in commercio e tramite i processi di raffinazione questo alimento perde gran parte del proprio contenuto nutritivo, con particolare riferimento al germe dei chicchi, ricco di amminoacidi, sali minerali e vitamine B ed E. Gli effetti negativi dell’uso e impiego della farina 00 provoca un aumento della glicemia e il conseguente incremento dell’ insulina, che nel tempo porta a un maggior accumulo di grassi depositati e a un indebolimento generale dell’organismo, rendendolo maggiormente esposto alle malattie, tumori inclusi.

Io ho un piccolo problema di insulina e il mio dottore mi vieta lo zucchero e i carboiadrati, essendo golosa non rinuncio al mio piatto di pasta che purtroppo non posso mangiare tutti i giorni, ho scelto la pasta integrale e ogni tanto bevo un caffè con un cucchiaino di zucchero di canna… I miei valori sono ritornati nella norma.

Io direi che dobbiamo cambiare le nostre abitudini almeno un pò, la nostra salute non è solo oggi ma deve essere anche domani e per essere domani dobbiamo iniziare da oggi.

 

Aceto di Mele, un jolly per la nostra salute.

L’aceto di mele, quello naturale, e’ un vero e proprio cibo medicina dalle mille qualità. È un concentrato di tutte le meravigliose proprietà benefiche della mela, ricco di vitamine e minerali come, magnesio, fosforo e Vitamina B12.

C’è chi dice che persino Ippocrate (Il padre della medicina) lo usava e lo consigliava.

I benefici dell’aceto di mele

Elenchiamo alcuni fra i benefici segnalati da chi, come me, ne ha fatto uso e di cui potete godere anche voi:

– Inverte il processo di invecchiamento (e’ un potente antiossidante)

– Rafforza il sistema immunitario

– Migliora la digestione

– Aiuta a mantenere sana la microflora intestinale

– Aumenta la resistenza

– Ripristina il metabolismo favorendo la perdita di peso

– Alcalinizza l’organismo

– Ha un alto potenziale anti-tumorale

– Riduce le infezioni al seno e il mal di gola

– Impedisce ai calcoli alla vescica e al tratto urinario di formarsi

– È un buon rimedio antiparassitario

Lava via le tossine dal corpo

– Combatte le allergie di esseri umani e animali

Se soffrite di bruciore di stomaco potete spegnerlo o per lo meno alleviarne i sintomi aggiungendo un cucchiaio di aceto di mele in un bicchiere e bevendolo. È un’ottima alternativa sana e naturale ai farmaci.

Quale scegliere?

Al momento dell’acquisto assicuratevi sempre che il prodotto abbia dei residui galleggianti. Questa può essere una garanzia del fatto che l’aceto non sia trattato o distillato. Processi simili eliminano gran parte delle sostanze nutrienti e benefiche che l’aceto contiene.

Se riuscite ad acquistarlo biologico poi e’ ancora meglio. I prodotti biologici certificati, anche se apparentemente costano un po’, sono di qualità, privi di conservanti e sostanze chimiche aggiunte.

In fine, potete anche prepararvelo da soli usando questa ricetta.

Alcuni fra gli usi più frequenti e utili

1) Diabete: Diversi studi hanno dimostrato che l’aceto di mele può essere utile per controllare e abbassare i livelli dello zucchero nel sangue e per questo spesso viene consigliato come cura naturale per il diabete.

2) Perdita di peso: Un po’ perché accelera il metabolismo, un po’ perché brucia le calorie, l’aceto di mele e’ spesso consigliato da un certo numero di nutrizionisti per chi vuole perdere peso. Un rimedio suggerito e’ quello di mescolare due cucchiaini di aceto di mele in un bicchiere di acqua e berlo circa 10 minuti prima di ogni pasto.

Fonte: https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/10178-aceto-di-mele-benefici-salute

 

 

 

Cassia: Henné Neutro

Ciao, sto usando la Cassia, è il mio trattamento naturale per capelli che li rinforza e il risultato è visibile da subito. Una volta a settimana unisco la polvere di Cassia con un po’ di acqua tiepida, impasto il tutto, appena pronta la distribuisco dalla cute fino alle lunghezze lasciandola in posa per un’ora.                                                   🍃In natura esistono all’incirca 400 specie di Cassia, molte delle quali sono usate dalla medicina popolare per le loro proprietà antimicotiche e antibatteriche.

La varietà che utilizziamo per i capelli è la polvere ricavata da una pianta denominata indifferentemente Cassia (Senna) Obovata o Cassia (Senna) Italica.

In botanica i termini Cassia e Senna sono equivalenti, quindi li potrete trovare entrambi nell’Inci delle confezioni: si tratta sempre della stessa polvere.

La cassia ha la peculiarità di avere un potere colorante unicamente se ossidata in un ambiente acido.

In sostanza, se viene preparata solo con acqua calda, la cassia svolge una straordinaria funzione curativa sui capelli: li ristruttura, li irrobustisce, li disciplina e li lucida . Spessissimo, la cassia viene chiamata henné neutro.

Ma, ovviamente, essa non è affatto un henné, anche se le due polveri sono molto simili e sono entrambe di colore verde.

Tuttavia, essendo simile nell’aspetto e soprattutto condividendone alcune importanti proprietà curative, la cassia è di fatto spesso associata alla lawsonia e denominata henné neutro, appunto. Per altre informazioni ecco il link. 🍃

Fonte:https://www.greenme.it/consumare/cosmesi/21946-cassia-henne-neutro-capelli-biondi

 

Io bevo il Latte di Soia.

Care, chi di voi soffre quando beve il latte normale?  Io alzo la mano✋.  Bevo una tazza di latte normale e subito dopo mal di stomaco e subito al bagno, non credo sia normale. Sono passata dal latte fresco intero a quello parzialmente scremato ma nonostante questo, dopo aver bevuto il latte scremato non era cambiato niente… Quindi con occhio non molto felice ( ho sempre visto il latte di soia non molto bene) decisi di iniziare a sostituire il latte di mucca con quello di SOIA.                      Bhe, con grande sollievo finalmente potevo bere una tazza di latte senza finire subito al bagno dolorante. Evviva! Non solo non mi fa stare male ma oltretutto non mi gonfia e da quando ho iniziato a fare colazione con questo latte sono dimagrita.                                               Poi bisogna anche dire che questo latte è pieno di proprietà, vitamine, proteine, fibre, calcio.   Lo consiglio a tutte voi!                         https://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__latte-di-soia-soya-drink.php?pr=5868      

 

 

L’ Edera contro la cellulite.

🌿L’EDERA è principalmente utilizzata nei preparati anticellulite per le sue proprietà astringenti e antinfiammatorie che combattono cellulite e buccia d’arancia.          Gli impacchi di edera portano benefici anche contro dolori reumatici e nevralgie.         Recenti studi hanno anche dimostrato le proprietà battericide dell’edera, utile per combattere la candida.                                         Ci sorprende e come abbiamo appena letto oltre a essere un’ anti cellulite formidabile svolge altre azioni:                                 Astringente, Anti infiammatorio, Cura le nevralgie, Cicatrizzante, Cura la tosse e bronchite, Battericida.                                           Ho scoperto una mia nuova alleata 😉.              Per dettagli su questa crema basta cliccare la foto in alto oppure il link qua sotto. 🌿

 

https://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__crema-all-edera-contro-gli-inestetismi-della-cellulite.php?pn=5868

 

Lavanda, Vade retro Pidocchi.

                                     🌺Questi rimedi naturali sono molto utili per combattere i pidocchi e prevenirne il ritorno, sapendo che l’igiene non c’entra con la loro presenza.

Io personalmente prima usavo gli spray della farmacia per il mio bambino, ma poi documentandomi un po’ ho scoperto la LAVANDAconsiderando l’ odore buono ma molto forte per noi uomini, figuariamoci come possa far star lontano questi esserini, un po’ come l’aceto.                                                            Il trattamento di prevenzione pidocchi a base di olio essenziale di lavanda è molto semplice e può essere eseguito in diverse modalità:

versare 3/4 gocce di olio essenziale di lavanda sul cuoio capelluto, due volte alla settimana. Distribuire massaggiando e pettinando i capelli.
in alternativa: versare 3/4 gocce sul pettine e pettinare i capelli
in alternativa: procurarsi un barattolino spray vuoto e ben pulito, riempirlo di acqua e olio essenziale di lavanda; agitare bene e usare lo spray direttamente sui capelli, pettinando. Anche in questo caso un paio di volte la settimana.
L’olio essenziale di lavanda si trova in erboristeria, farmacia, online, nei mercatini biologici e nei negozi di prodotti naturali. In genere un flacone da 15 ml di olio puro al 100% e biologico costa 15-16 euro.

Ovviamente come tutte le cose naturali, la lavanda possiede diverse proprietà: antibiotico( in caso di influenza, raffreddore, tosse), antisettico (diluito nel detergente intimo contrasta le infezioni), analgesico e antinfiammatorio, cicatrizzante (è impiegato sulla pelle, anche la pelle dei bambini, come ottimo rimedio in caso di ustioni, ferite piaghe, apporta sollievo in presenza di punture d’insetti, eritemi solari, irritazioni causate da medusa).

Che ne pensate? 🌺

Potete cliccare la foto o il link sotto.

https://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__lavanda-olio-essenziale.php?pn=5868

 

Miele e olio d’oliva, capelli sublimi.

🌸Capelli secchi e sfibrati?? Impacco con OLIO D’OLIVA e MIELE. Mettere in pratica questa ricetta è semplice:            bastano tre cucchiai di miele e due di olio d’oliva, da ridurre metà se i vostri capelli non sono troppo secchi, in ogni caso regolatevi al meglio anche in base alla lunghezza dei vostri capelli. Mescolare insieme i due ingredienti fino a ottenere un composto omogeneo, poi distribuitelo accuratamente sui capelli asciutti, insistendo sulle lunghezze e sulle punte. Usare un guanto in lattice e non arrivare alla cute, ma rimanere sul fusto dei capelli. A questo punto applicare uno strato di pellicola per alimenti, per favorire la penetrazione dell’impacco e lasciare in posa dai 30 minuti alle 2 ore. Sciacquare i capelli e fare almeno due passate di shampoo, insistendo sulla parte in cui era applicato l’impacco. Dalla prima applicazione, proprio grazie alle proprietà emollienti e nutrienti di olio e miele, si potrà notare lucentezza e corposità dei capelli, che risulteranno anche morbidi e setosi, è un vero tocca sana per i nostri capelli. Io di solito la faccio una volta a settimana. Se la provate ditemi come vi siete trovate. 🌸